La storia dei frattali

Rapporto tra uomo e natura

L’uomo si è sempre ispirato alla natura, fin dalla Preistoria. L’amore verso il nuovo, verso il selvaggio, porta l’essere umano verso nuove scoperte.

Il 1800 e il 1900

In questo periodo numerosissimi scienziati scoprirono altrettanti frattali IFS .

L’essere umano vuole snaturalizzare queste figure geometriche perché ritiene la natura un’entità inferiore.

Inizio 1900

Gli scienziati Gaston Julia e Pierre Fatou disegnarono il primo frattale con tempo di fuga, chiamato insieme di Julia.

Prima, seconda guerra mondiale e guerra fredda

A causa di queste guerre, il pianeta Terra è stato brutalmente sfruttato rendendolo un suolo di guerra. Infatti, a causa dell’eccessivo uso di armi, la Terra ha cambiato la sua struttura primordiale.

1975

Benoit Mandelbrot disegnò il primo frattale di Mandelbrot. Successivamente, numerosi scienziati ottimizzarono ulteriormente questo processo di calcolo matematico mediante tecniche matematico-grafiche molto particolari. La funzione iterativa di questo frattale è molto semplice: z0=z2+c.

Verso la civiltà postmoderna

In questo periodo l’elaboratore elettronico non serve più solo per calcolare, bensì per cercare nuove informazioni. Dopo gli anni ottanta viene creata la prima rete internet. Grazie a questa rete ognuno è in grado di condividere le proprie informazioni.

La crescita insostenibile della società urbana ha portato ad una totale alterazione del clima, dei fenomeni naturali e dell’ambiente. Da questo momento inizia la crisi climatica che stavolta coinvolgerà tutti gli esseri umani presenti sul pianeta.

Furono sviluppati i primi movimenti di arte frattale (ovvero come rappresentazione artistica del frattale) e nuovi software applicativi come:

  • FracTree
  • FractInt
  • Apophysis
  • GNU Xaos
  • Incendia
  • E tanto altro ancora

Inoltre nel 2009 il matematico White scoprì come rendere tridimensionale, o addirittura quadridimensionale un frattale. Il programma si chiama Mandelbulb3D ed è tutt’ora in fase di sperimentazione.

Solo recentemente l’uomo sta cercando di ritrovare i valori morali e culturali della natura e della sua complessità matematica.

Beh… non è mai troppo tardi…

I commenti sono chiusi.